Chi Siamo

Siamo un gruppo di parenti ed amici di malati di mente, psicotici gravi.  Alcuni di noi hanno conosciuto la situazione pre 180  ed hanno un vivo  ricordo dell’Ospedale psichiatrico. Quando nel 1978, per effetto della 180, vi è stato il cosiddetto periodo  delle “dimissioni selvagge” , seguito dalla fondazione delle prime associazioni di familiari a difesa dei malati, parecchi di noi si sono associati alle realtà che si andavano costituendo.

Abbiamo avuto esperienze di volontariato di ogni tipo  ed abbiamo promosso iniziative terapeutiche e riabilitative anche molto avanzate: corsi di formazione al lavoro e di sport , soggiorni al mare ed in montagna ad accentuato carattere riabilitativo, addirittura  esperienze di volo con ultraleggeri e di free climbing.

Abbiamo però capito che queste attività possono sì migliorare un poco la qualità di vita del malato, ma non possono e non devono in alcun modo sostituirsi ad  una efficace e seria cura su basi scientifiche.   Per fare un esempio, queste attività sono simili a quelle che svolgono i volontari che assistono i  malati negli Ospedali.  E’ un azione sicuramente benefica , ma che non c’entra niente con la medicina e con  la cura delle malattie.

In Italia la 180 ha eliminato ogni seria cura della malattia mentale – parliamo ovviamente della cura di schizofrenie, paranoie ed altre gravi psicosi, non dei disturbi esistenziali di minor rilievo – sostituendo alla scientificità della medicina le discutibili opinioni di sociologi, psicologi  e  psicanalisti.

Fino a quando la 180 non verrà superata,  la dedizione e la passione che in tutta Italia operatori, volontari e medici dedicano agli psicotici, saranno solo dei palliativi, che non serviranno a risolvere i problemi dei malati e delle loro famiglie.