Premessa

Una delle manchevolezze della 180 è quella di deresponsabilizzare completamente le strutture, addette alle cure dei malati di mente. La deresponsabilizzazione non avviene per quello che la legge dice. Ripetiamolo ancora una volta: la 180 è una non legge.  Di per se stessa non dice niente.

Nella  fattispecie rimanda alle leggi regionali. Le quali, ispirate dal basagliano concetto che la malattia mentale non esiste, si guardano bene dal dettare criteri di buon trattamento dei malati e di buon funzionamento delle strutture, presenti invece addirittura nella vituperata legge del 1908. 

Diventa quindi estremamente difficile, per il giudice, incastrare penalmente i colpevoli comportamenti degli operatori.  Né d’altra parte i Dipartimenti di Salute Mentale avviano provvedimenti disciplinari nei riguardi dei loro dipendenti anche se responsabili di morti o di gravi fatti di sangue.  

Il criterio che vige è l’assoluta omertà e la  difesa, senza se e senza ma,  della casta.