Novità Sito

Abbiamo istituito un forum attraverso il quale gli utenti registrati possono interagire con il nostro sito.
- Lo psichiatra risponde
- L'avvocato risponde
- L'esperto risponde

Clicca qui per accedere al forum

News
  • 13 Gennaio.Napoli. Giuseppe Antonucci di 54 anni, spara alla ex mogliie ed al compagno della stessa. Lo strano è che Antnucci era uscita anni fa dal Manicomio Giudiziario, dove era chiuso, perchè nel 1993 aveva ucciso a coltellate la giovane moglie di 22 anni e aveva ferito suocera e cognato.

    Leggi tutto...
  • 12 Gennaio.  Roma. E' stata arrestata una donna 30enne di Napoli che, all'Ospedale del Bambin Gesù, somministrava di nascosto psicofarmaci alla figlia di 3 anni, mettendola in pericolo di vita per arresto cardiocircolatorio.

    Leggi tutto...
  • 10 Gennaio. Volterra. L'anno comincia nel solito modo. Daniela Marzetti, schizofrenica grave con deliri di persecuzione contro la madre, investe volontariamente ed uccide la madre di 70 anni e la zia di 75, mentre

     

    Leggi tutto...
Chi è online
 45 visitatori online
Login
Effettua il login



I Neuroni a specchio e la schizofrenia

Grande scoperta italiana: per la prima volta è stato evidenziato sperimentalmente il malfunzionamento di un cervello schizofrenico.  I ricercatori del Dipartimento di Neuroscienze dell’Università di Parma hanno utilizzato la Risonanza Magnetica Funzionale per osservare in pazienti schizofrenici le risposte a situazioni sociali . La Risonanza Magnetica Funzionale è un particolare tipo di risonanza magnetica che, utilizzando campi magnetici molto forti, permette di vedere in tempo reale le zone cerebrale che si attivano in una determinata circostanza. Sono stati esaminati 22 soggetti normali e 24 pazienti in fase iniziale di schizofrenia. Ai soggetti veniva fatto vedere un video in cui una mano veniva toccata, o accarezzata o schiaffeggiata da un’altra. Dalla risonanza si vedeva che l’area della corteccia premotoria si attivava molto di meno nei pazienti schizofrenici e che più grave era la malattia meno l’area si attivava.   Non solo ma l’area cerebrale detta insula posteriore nei soggetti normali si spegne durante l’esperienza tattile altrui. Nei soggetti schizofrenici rimane attiva.

Un’altra importante scoperta italiana era già stata quella dei neuroni specchio: sono neuroni che si attivano al compiere di una determinata azione, sia che questa azione sia fatta da noi che se sia fatta da altri.   Si pensa che i neuroni specchio siano la base fondamentale del processo conoscitivo: il cervello per riconoscere una certa azione ha bisogno, per così dire di rifarla in sé stesso.  Come fa poi però a distinguere una azione fatta da sé stesso da una azione fatta da un altro? Disattivando l’insula posteriore quando l’azione è esterna.  Insula posteriore che negli schizofrenici non si spegne. Lo schizofrenico non è perciò in grado di distinguere le azioni fatte dal mondo esterno da quelle fatte da sé stesso. Ecco come si innesta il sorgere dei deliri e delle allucinazioni.

Naturalmente questa scoperta ha bisogno di molte altre prove e conferme. Apre però la strada alla ricerca su nuovi farmaci che – a questo punto – vanno indirizzati a ristabilire il misterioso funzionamento dell’insula  posteriore. Pone le basi per la ricerca delle ovvie  basi somatiche della malattia. Ma soprattutto si pone finalmente fine a tutte le ipotesi sociologiche, psicanalitiche, politiche, magiche della malattia mentale riaffermando con potenza il predominio della scienza.

Torniamo finalmente, dopo tanti anni di superstizione, alle parole di Basilio il Grande nel 500 dopo Cristo “Come il folle non vede le cose reali, ma i fantasmi del suo cervello malato”.

Cervello malato. E’ su questo che bisogna ricominciare a lavorare.

 
Schizofrenia e Psicosi

Schizofrenia e psicosi. Conoscerle, combatterle, curarle. Il libro che tutti i malati ed i familiari dovrebbero avere.
Un quadro completo ed esauriente di tutto quello che si sa sulle malattie, di come si possono curare, di come ci si deve  comportare nelle circostanze più difficili. Specie in quelle di cui nessuno Vi ha mai parlato.

Clicca qui per saperne di più

Survival Pack

L'Associazione Vittime della 180 mette a disposizione dei Malati e dei Familiari il prezioso "Survival Pack" che Vi permetterà di sopravvivere il meglio possibile alla 180 ed ai suoi scherani.

Registrati o esegui il login poi scarica il survival pack dal menu utente

Visite
mod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_counter
mod_vvisit_counterOggi134
mod_vvisit_counterIeri173
mod_vvisit_counterQuesta Settimana475
mod_vvisit_counterQuesto Mese3700