Novità Sito

Abbiamo istituito un forum attraverso il quale gli utenti registrati possono interagire con il nostro sito.
- Lo psichiatra risponde
- L'avvocato risponde
- L'esperto risponde

Clicca qui per accedere al forum

News
Chi è online
 43 visitatori online
Login
Effettua il login



  • Ippocrate (400 a.C.) individua nella pazzia una forma di malattia del cervello
  • S.Basilio (450 d.C.) da la prima definizione della schizofrenia “Come il folle non vede le cose reali, ma i fantasmi del suo cervello malato…”
  • 1900 ca. Si dimostra definitivamente che la pellagra (20% dei ricoverati in Ospedale psichiatrico) è una avitaminosi.
  • 1911. Durante una epidemia di febbre gialla nell’isola di Hispaniola (Haiti) si riscontrano straordinarie guarigioni nei ricoverati nel locale manicomio. Si introduce quindi la malario-terapia.
  • 1930. Manfred Sackel, un medico ebreo-ucraino scopre che il coma insulinico ha effetti migliorativi sorprendenti sulla schizofrenia. E' il primo metodo di cura efficace. Sackel avrà 5 nomination per il Nobel
  • 1938. Cerletti scopre l’elettroshock. 40% di risultati positivi nei trattamenti di depressione maggiore e di schizofrenie catatoniche.
  • 1945. Scoperta della penicillina. I manicomi si svuotano dei degenti con psicosi organiche da sifilide.
  • 1951. Un nuovo farmaco teoricamente antitubercolotico si dimostra di nessuna efficacia. In compenso ha effetti calmanti e antidepressivi sui pazienti terminali di tubercolosi. Nascono gli psicofarmaci.
  • Per effetto degli psicofarmaci, dal 1955 al 1970 si assiste in tutto il mondo alla drastica diminuzione dei pazienti ricoverati negli Ospedali psichiatrici. In Lombardia dal 1970 al 1978 i pazienti si riducono da 14.000 a 7.000.

Oggi vi è un numero notevole di molecole, ad effetti più o meno marcati, che hanno permesso di ridurre moltissimo (dall’80% al 20%) l’elevata mortalità delle depressioni maggiori. Esistono farmaci calmanti ed antidepressivi di molti tipi.

Limitato è purtroppo ancora il numero dei neurolettici, dei farmaci cioè che hanno effetto sui deliri e sulle allucinazioni schizofreniche.   Limitata  è la possibilità di azione sulle caratteristiche “negative” della schizofrenia: apatia, aridità affettiva, autismo. Inoltre sono sempre importanti gli effetti secondari e spiacevoli dei neurolettici.

 
Schizofrenia e Psicosi

Schizofrenia e psicosi. Conoscerle, combatterle, curarle. Il libro che tutti i malati ed i familiari dovrebbero avere.
Un quadro completo ed esauriente di tutto quello che si sa sulle malattie, di come si possono curare, di come ci si deve  comportare nelle circostanze più difficili. Specie in quelle di cui nessuno Vi ha mai parlato.

Clicca qui per saperne di più

Survival Pack

L'Associazione Vittime della 180 mette a disposizione dei Malati e dei Familiari il prezioso "Survival Pack" che Vi permetterà di sopravvivere il meglio possibile alla 180 ed ai suoi scherani.

Registrati o esegui il login poi scarica il survival pack dal menu utente

Visite
mod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_counter
mod_vvisit_counterOggi82
mod_vvisit_counterIeri191
mod_vvisit_counterQuesta Settimana709
mod_vvisit_counterQuesto Mese4677