Novità Sito

Grande scoperta italiana sulla schizofrenia: I neuroni a specchio.

Clicca qui per leggere l'articolo

News
Chi è online
 57 visitatori online
Login
Effettua il login



In realtà non esiste più la 180: è stata inserita nella legge nazionale sanitaria 833.

Art.33. Gli accertamenti e trattamenti sanitari obbligatori sono disposti dal sindaco su proposta motivata di un medico. Gli accertamenti ed i trattamenti sanitari obbligatori sono attuati nei presidi e servizi pubblici territoriali e, ove necessiti la degenza, nelle strutture ospedaliere pubbliche o convenzionate.

Questo è il primo gravissimo errore: la degenza non deve mai essere fatta in un Ospedale, assolutamente inadatto ad ospitare un malato fisicamente sano che ha bisogno di attività fisica e psichica continua.  Occorre una struttura specialistica adatta. Ed il sindaco non deve entrarci. La decisione deve essere demandata ai medici e poi soggetta alla convalida di una Commissione ad hoc.

Art.34. La legge regionale disciplina la istituzione dei servizi a struttura dipartimentale che svolgono funzioni preventive, curative e riabilitative relative alla salute mentale.

Per quanto riguarda quello che c’è da fare, questo è tutto quello che la 180 dice: quasi  niente.   Non dice come devono essere le strutture, per quanti malati, in che percentuale, come devono essere controllate. Niente. Chi difende la 180, difende un niente legislativo.

Il resto dell’art.34 dice che il ricovero in regime di degenza va fatto negli Ospedali generali.

E questo è veramente la fossa dei serpenti, il più orrido manicomio: l’Ospedale generale è quanto di peggio si può pensare per un malato di mente.

Art35. Rende difficile il TSO. Ne stabilisce la convalida da parte di un giudice tutelare entro 48ore.   Dopo una settimana richiede che il medico resposabile avvisi il sindaco, il quale avvisa il giudice tutelare ecc.

E’ chiaro che la legge 180 parte dal presupposto che il ricovero sia qualche cosa di brutto da evitare e non qualche cosa di positivo per un malato grave, che ha bisogno di aiuto   Invece il malato è un malato, che però non va allettato e quindi non può essere messo in un normale ospedale generale. E’ in genere un giovane che ha bisogno di moto, di svaghi,di spazi, di attività fisiche e mentali. E deve rimanere il tempo necessario per avere una diagnosi, abituarsi a convivere con la malattia, consolidare una cura, abituarsi alla stessa.   I 3 mesi di permanenza media degli ospedali psichiatrici sono un dato realistico ed umano. A parte poi che la difesa del malato, affidata al sindaco ed al giudice tutelare è inefficiente ed aleatoria.

Confrontata con la legge italiana del 1908 e con tutte le altre leggi europee, la 180 mostra una estrema povertà di contenuti, una completa deresponsabilizzazione delle strutture sanitarie e degli addetti relativi, una mancanza completa di controlli.

 
Schizofrenia e Psicosi

Schizofrenia e psicosi. Conoscerle, combatterle, curarle. Il libro che tutti i malati ed i familiari dovrebbero avere.
Un quadro completo ed esauriente di tutto quello che si sa sulle malattie, di come si possono curare, di come ci si deve  comportare nelle circostanze più difficili. Specie in quelle di cui nessuno Vi ha mai parlato.

Clicca qui per saperne di più

Survival Pack

L'Associazione Vittime della 180 mette a disposizione dei Malati e dei Familiari il prezioso "Survival Pack" che Vi permetterà di sopravvivere il meglio possibile alla 180 ed ai suoi scherani.

Registrati o esegui il login poi scarica il survival pack dal menu utente

Visite
mod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_counter
mod_vvisit_counterOggi71
mod_vvisit_counterIeri140
mod_vvisit_counterQuesta Settimana211
mod_vvisit_counterQuesto Mese2822