Novità Sito

Grande scoperta italiana sulla schizofrenia: I neuroni a specchio.

Clicca qui per leggere l'articolo

News
  • 13 Gennaio.Napoli. Giuseppe Antonucci di 54 anni, spara alla ex mogliie ed al compagno della stessa. Lo strano è che Antnucci era uscita anni fa dal Manicomio Giudiziario, dove era chiuso, perchè nel 1993 aveva ucciso a coltellate la giovane moglie di 22 anni e aveva ferito suocera e cognato.

    Leggi tutto...
  • 12 Gennaio.  Roma. E' stata arrestata una donna 30enne di Napoli che, all'Ospedale del Bambin Gesù, somministrava di nascosto psicofarmaci alla figlia di 3 anni, mettendola in pericolo di vita per arresto cardiocircolatorio.

    Leggi tutto...
  • 10 Gennaio. Volterra. L'anno comincia nel solito modo. Daniela Marzetti, schizofrenica grave con deliri di persecuzione contro la madre, investe volontariamente ed uccide la madre di 70 anni e la zia di 75, mentre

     

    Leggi tutto...
Chi è online
 16 visitatori e 1 utente online
Login
Effettua il login



Riassunto da “Istituzioni della violenza”

Basaglia afferma che il suo è un discorso antiistituzionale ed antipsichiatrico che non può mantenersi ristretto alla psichiatria, ma va allargato alla società.

Del resto la realtà manicomiale è stata superata, ma “ non si sa quale potrà essere il passo successivo “. La vie aperte sono comunque due: o si è complici del sistema manicomiale o si agisce e lo si distrugge.  

Gli altri psichiatri definiscono le sue tesi prive di serietà e rispettabilità scientifica.  La cosa lo lusinga perché lo accomuna agli ammalati le cui tesi sono pure prive di serietà.

Punto fondamentale è la violenza che l’istituzione esercita nei riguardi del suddito. La madre sul figlio, la scuola sugli allievi, il manicomio sul malato. Per cui scuola, famiglia,carcere, manicomio vanno definite come “le istituzioni della violenza “.

In particolare il manicomio distrugge il malato mentale.

I tecnici, gli psichiatri sono gli adattatori della violenza a nuovi schemi: la mistificano senza alterarla.      Il considerare il malato di mente come malato è già sbagliato: lo pone nel ruolo di oggetto da parte degli psichiatri e dell’istituzione e quindi di se stesso.   Unica possibilità di soggettivare il malato è la psicoterapia individuale e di gruppo, che però è in genere consentita solo al malato libero.  

Vi sono anzi tre tipi di approccio al problema:

-         aristocratico: quando il paziente è pagante

-         mutualistico: quando il paziente non è pagante

-         istituzionale: il manicomio

Questa analisi evidenzia che “ il problema non è la malattia in sé, ma quale sia il tipo di rapporto che viene ad instaurarsi con il malato, in quanto la malattia gioca un ruolo puramente accessorio”.

In realtà i ricoverati nei manicomi non sono malati, ma sono gli elementi socioeconomicamente insignificanti che sono stati  spinti fuori dal sistema produttivo.  La psichiatria esercita su questi malati una ulteriore violenza che tende ad aiutarli ad adattarsi alla loro condizione di oggetti della violenza.

Si potrebbe allora fare la comunità terapeutica, sulla base di quanto fatto in Inghilterra da Maxwell Jones.   Agendo così, però, se si leva al malato tutta l’oggettivazione che la società gli ha dato, per vedere solo la malattia, magari non resta neanche questa.

L’atto terapeutico si rivela un atto politico di integrazione, nella misura in cui tende a ricomporre, ad un  livello regressivo, una crisi già in atto.  L’aggressività del malato è frutto di questo stato di oggettivazione in cui viene tenuto. 

La malattia è legata, nella maggior parte dei casi, a fattori socio-ambientali.   La soluzione non può che essere quindi, socioambientale.

Frammenti

-         Cosa ha annientato il malato ?  L’autorità. Per riabilitarlo occorre abituarlo a ribellarsi. Dato però che il nostro sistema sociale non è interessato alla riabilitazione del malato mentale, in quanto non ha lavoro neanche per i sani, bisogna riformare anche la società.

-         Le aggressività e le sconvenienze del malato sono il suo modo per dire che c’è.

-         Con questi nuovi sistemi i malati guariscono di più? E’ difficile rispondere in termini quantitativi

 
Schizofrenia e Psicosi

Schizofrenia e psicosi. Conoscerle, combatterle, curarle. Il libro che tutti i malati ed i familiari dovrebbero avere.
Un quadro completo ed esauriente di tutto quello che si sa sulle malattie, di come si possono curare, di come ci si deve  comportare nelle circostanze più difficili. Specie in quelle di cui nessuno Vi ha mai parlato.

Clicca qui per saperne di più

Survival Pack

L'Associazione Vittime della 180 mette a disposizione dei Malati e dei Familiari il prezioso "Survival Pack" che Vi permetterà di sopravvivere il meglio possibile alla 180 ed ai suoi scherani.

Registrati o esegui il login poi scarica il survival pack dal menu utente

Visite
mod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_counter
mod_vvisit_counterOggi82
mod_vvisit_counterIeri162
mod_vvisit_counterQuesta Settimana597
mod_vvisit_counterQuesto Mese4983