Novità Sito

Abbiamo istituito un forum attraverso il quale gli utenti registrati possono interagire con il nostro sito.
- Lo psichiatra risponde
- L'avvocato risponde
- L'esperto risponde

Clicca qui per accedere al forum

News
  • 13 Gennaio.Napoli. Giuseppe Antonucci di 54 anni, spara alla ex mogliie ed al compagno della stessa. Lo strano è che Antnucci era uscita anni fa dal Manicomio Giudiziario, dove era chiuso, perchè nel 1993 aveva ucciso a coltellate la giovane moglie di 22 anni e aveva ferito suocera e cognato.

    Leggi tutto...
  • 12 Gennaio.  Roma. E' stata arrestata una donna 30enne di Napoli che, all'Ospedale del Bambin Gesù, somministrava di nascosto psicofarmaci alla figlia di 3 anni, mettendola in pericolo di vita per arresto cardiocircolatorio.

    Leggi tutto...
  • 10 Gennaio. Volterra. L'anno comincia nel solito modo. Daniela Marzetti, schizofrenica grave con deliri di persecuzione contro la madre, investe volontariamente ed uccide la madre di 70 anni e la zia di 75, mentre

     

    Leggi tutto...
Chi è online
 63 visitatori online
Login
Effettua il login



Nel 1996 mio figlio Alberto ha cominciato a mostrare i primi sintomi della malattia: crisi di ansia e disturbi della personalità. Come spesso accade, Alberto non era cosciente del suo stato di malattia e quindi non accettava né di essere visitato da uno psichiatra, né di assumere le cure che questi prescriveva. Mio figlio era anche difficile da controllore nelle sue crisi: lo stato di panico e di ansia da cui era colto, lo portava ad atti di violenza, sempre peraltro finalizzati a difendersi dalle violenze a cui gli sembra di essere sottoposto. Come conseguenze è stato da subito sottoposto a TSO, per giunta lunghi e dolorosi, con periodi anche settimanali di contenzione in cui rimaneva legato nel letto. Il ricovero in un ambiente così squallido come quello di un Ospedale non serviva ovviamente a curarlo, ma solo a calmarlo con massicce dosi di sedativi. Inoltre un ricovero così traumatico non faceva altro che aumentare il rancore di mio figlio nei nostri riguardi e nei riguardi dei medici e la paura di essere nuovamente ricoverato. Quando ce lo restituivano, tutto ricominciava come prima. La nostra casa è stata il nostro piccolo manicomio familiare, dove mio figlio vegetava senza essere curato ed aspettando la prossima esplosione di crisi violenta. Anche mia figlia, che viveva e vive con noi, ha avuto gravi problemi per la convivenza con il fratello malato. Moltissime volte abbiamo chiesto al medico del CPS di ricoverare mio figlio in qualche struttura adeguata alla sua malattia ed in cui potesse essere efficacemente curato. La risposta era sempre che le legge non prevede che il malato possa essere ricoverato in una struttura – a parte il reparto dell’Ospedale generale - senza il suo consenso. Come conseguenza mio figlio non è mai stato curato con un minimo di efficacia ed il suo stato è sempre peggiorato.

Nel gennaio del 2005 è stato fatto ancora un TSO, con l’aiuto delle forze dell’ordine. Mio figlio, nel suo stato di crisi psicotica, ha dato un pugno ad un carabiniere, mentre lo stavano immobilizzando per portarlo in Ospedale. Il carabiniere lo ha denunciato al Tribunale di Monza.

Nel processo che ne è seguito, mio figlio è stato condannato a passare un periodo in una comunità terapeutica di Como. Dopo 10 giorni di permanenza in questa struttura, Alberto è stato colto da una crisi ancora più forte, ha spintonato un educatore ed è stato ancora ricoverato in TSO nell’Ospedale di Vimercate.

A questo punto il giudice ne ha disposto il ricovero nell’OPG di Reggio Emilia. L’OPG di Reggio Emilia è semplicemente un carcere. Per fortuna dopo qualche mese siamo riusciti a farlo trasferire nell’OPG di Castiglion delle Siviere, dove finalmente abbiamo trovato la struttura di cui aveva bisogno Alberto fin dall’inizio della sua malattia. Una struttura in cui mio figlio è obbligato a restare, ma con una buona qualità di vita, con cure efficienti e costanti, con ampi spazi di verdi e di ricreazione. Mio figlio infatti sta migliorando. E’ finalmente cosciente di essere malato, accetta la sua malattia e vuole curarsi. 

A questo punto devo dire che:

-         un malato che rifiuta la cura deve essere curato e non in quello schifo del reparto dell’Ospedale generale che non serve a niente, ma in una struttura adatta ad un ragazzo giovane che ha bisogno di vivere, lavorare, divertirsi, nonostante e soprattutto per la sua malattia.

-         un Trattamento Medico Obbligatorio dovrebbe essere fatto solo da infermieri specializzati, nel trattare malati di questo tipo e non dovrebbero entrarci per niente le forze dell’ordine

-         Che, anche volendo usare poliziotti, vigili o carabinieri, questi dovrebbero essere ben consci che il malato non è in quei momenti in condizione di capire cosa sta facendo. Il denunciarlo per un pugno che ha dato è una cosa inumana ed ingiusta.

-         Castiglione delle Stiviere è come dovrebbe essere una struttura curativa per questi malati. Peccato che si debba aspettare che commetta qualche reato per poter essere mandato lì

-         Questa legge è uno schifo.

Commenti

avatar ALFRED
0
 
 
salve: volevo solo sapere come e' possibile mandare una persona all'opg di castiglione delle stiviere visto che risulta totalmente impossibile. se la mamma di alberto mi può rispondere le sarò molto grato.
avatar elena dobici
0
 
 
Amici, vogliono chiudere gli opg... Si rischia il ripetersi di ciò che è accaduto con la 180. Mi chiamo Elena Dobici e sono su Facebook. Mi sto battendo per la loro ristrutturazion e, contattatemi se volete. Grazie
Effettua il login per inviare commenti o risposte
 
Schizofrenia e Psicosi

Schizofrenia e psicosi. Conoscerle, combatterle, curarle. Il libro che tutti i malati ed i familiari dovrebbero avere.
Un quadro completo ed esauriente di tutto quello che si sa sulle malattie, di come si possono curare, di come ci si deve  comportare nelle circostanze più difficili. Specie in quelle di cui nessuno Vi ha mai parlato.

Clicca qui per saperne di più

Survival Pack

L'Associazione Vittime della 180 mette a disposizione dei Malati e dei Familiari il prezioso "Survival Pack" che Vi permetterà di sopravvivere il meglio possibile alla 180 ed ai suoi scherani.

Registrati o esegui il login poi scarica il survival pack dal menu utente

Visite
mod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_counter
mod_vvisit_counterOggi109
mod_vvisit_counterIeri202
mod_vvisit_counterQuesta Settimana109
mod_vvisit_counterQuesto Mese6008