VITTIME DELLA 180
Le testimonianze che mostrano come la 180 sia inefficienza, crudeltà, sfruttamento, superstizione

Mia Madre Schizofrenica (credo), noi da sempre abbandonati.

Home Forum L’esperto risponde Mia Madre Schizofrenica (credo), noi da sempre abbandonati.

Stai visualizzando 2 post - dal 1 a -3 (di -3 totali)
  • Autore
    Post
  • #685
    Alberto
    Partecipante

    Non so davvero da dove cominciare nel raccontare la mia storia, tanto sembra assurda da suonare incredibile. Vi chiedo solo la pazienza per leggermi, questo forum mi si apre come una piccola luce di speranza dopo una vita quantomeno difficile.
    Ho ventinove anni, mia madre è una mina vagante. Alterna momenti esterni di lucidità con momenti di assoluta pazzia.
    Non è mai stato diagnosticato niente, i miei nonni per timore dei benpensanti non l’hanno mai portata all’ospedale, l’hanno sempre assecondata ed attualmente non prende alcun medicinale.
    Mia madre principalmente urla mordendosi la mano, offende mia nonna in continuazione accusandola di essere complice di un sistema attuato contro di lei dai “finocchi” assieme al Vaticano (sostiene di sapere la verità sul caso Orlandi), sperpera tutti i soldi di famiglia in vestiti, parrucchiere e viaggi costosi, fregandosene se nonna non mangia o se noi figli avevamo bisogno di qualcosa. Mio padre dopo la separazione non ha mai fatto niente. Gli assistenti sociali sono intervenuti quando ero piccolo, parlando con me davanti a mia madre (non ho potuto dire molto) e limitandosi a mandare qualcuno a pulire la casa di tanto in tanto. A quei tempi vivevamo in una casa di 80 metri quadri, senza giardino, con 18 gatti e un papero. I vicini invece di aiutare dei bambini si sono sempre voltati indignati togliendoci perfino il saluto come se fosse colpa nostra, i miei coetani si sono sempre esposti solamente per prendermi per il culo o per farmi notare che la borsa del calcio, o i miei vestiti, puzzavano di piscio di gatto.
    Attualmente la situazione è leggermente migliorata, mia madre ha un gatto e un American stafford Shire che, appena lei si mette ad urlare, cerca di azzannarti (il cane senza di lei è invece docilissimo, buonissimo, affettuoso). Non sono rare le volte in cui mi acchiappo un morso.
    Adesso convivo con la mia ragazza e cerco di aiutare come posso mia madre, cercando di invitarla a risparmiare e comportarsi bene (ha avuto un lascito da mio nonno alla morte) ma lei sperpera e non paga le tasse. Mia nonna mi chiama sempre in lacrime dicendo di subire insulti da lei e morsi dal cane, la invito a chiamare la polizia, di fare finalmente qualcosa. Fiato sprecato.
    Non so come muovermi, temo ritorsioni da mia madre e non voglio rovinare quel briciolo di pace che ho costruito con grande sforzo nella mia vita. Con la mia ragazza ho parlato apertamente della situazione, ma un conto è parlarne e mettere al corrente, un altro è catapultare un’altra persona in una situazione così assurda. E ho cercato di raccontarvi solo l’essenziale, senza troppo dilungarmi.
    Ho provato in ogni modo a convincere mia madre a farsi visitare, ma non c’è stato alcun verso. Anzi talvolta ha reagito violentemente.
    Come posso agire? Tutta la famiglia, essendo il primogenito, affida a me la risoluzione del problema ed io mi sento schiacciato da questa responsabilità, da questa croce che mi porto dietro.
    Non l’ho mai fatto in vita mia, ma questa volta vi chiedo davvero aiuto.

    #687
    ldalbuono
    Amministratore del forum

    Caro Alberto,
    non preoccuparTi: qui siamo tutte persone che abbiamo più o meno vissuto la Tua esperienza. Se non siamo figli, siamo genitori. E magari, sia l’uno che l’altro. La risoluzione del problema?
    Intanto i problemi sono due: il problema della malattia di tua madre e quello di Te e degli altri familiari.
    Per quanto riguarda Tua madre, è un pò difficile darTi dei consigli: se non avete fatto niente in tutti questi anni, sarà problematico che possiate o vogliate fare qualche cosa nell’immediato futuro. Almeno fino a che sarà viva Tua nonna. C’è un fatto positivo:la schizofrenia è una di quelle pochissime patologie, che -spesso, non sempre – tende a migliorare con l’età. Vi sono meno deliri e vi è meno aggressività E forse anche il fatto che adesso i gatti siano diminuiti, è un segno di miglioramento. Ad ogni modo se volete fare qualche cosa, c’è il nostro “survival pack” che vi può dare delle dritte. A parte il fatto che siamo sempre qui.

    Per quanto riguarda Voi familiari, tenete presente che la convivenza con uno psicotico è sempre catastrofica e tende ad instaurare gravi fenomeni psichici anche negli altri componenti della famiglia. Specie i minori vanno assolutamente allontanati dall’ambiente familiare. Magari inseriti in un collegio. O affidati a qualche parente. E Ti consiglio di non coinvolgere eccessivamente la Tua donna e di non lasciarTi coinvolgere troppo anche Tu, nei problemi di Tua madre, che probabilmente ha ormai trovato un accettabile modus vivendi. Almeno accettabile per lei. Tu hai il diritto ed il dovere di farTi la Tua vita e di farla con la Tua ragazza, senza rovinarla irrimediabilmente nel, comunque vano, tentativo di aiutare Tua madre. Nel 1930 anche il grande commediografo Pirandello si è trovato in una situazione del genere: la moglie, dopo avergli dato ben 3 figli, si è irrimediabilmente ammalata di schzofrenia. E’ stata la tragedia della vita del grande drammaturgo: gli ha portato un profondo dolore ed ha segnato tutta la sua opera. Però non ha distrutto nè la sua vita, nè quella dei suoi figli: sua moglie è stata ricoverata in un Ospedale psichiatrico e loro hanno potuto avere una vita accettabile. Qui in Italia – e solo qui in Italia – gli Ospedali psichiatrici sono stati chiusi e la famiglia è rimasta in quella situazione di disperazione e di abbandono che Tu ben conosci.

    Al dunque: quando potrete, dateVi da fare per affidare, se necessario, la mamma ai Dipartimenti di Salute Mentale, pagati per fare questo. E Voi figli staccateVi al più presto e fate la Vostra vita.

Stai visualizzando 2 post - dal 1 a -3 (di -3 totali)
  • Devi essere connesso per rispondere a questo topic.