VITTIME DELLA 180
Le testimonianze che mostrano come la 180 sia inefficienza, crudeltà, sfruttamento, superstizione

videosorveglianza nei reparti psichiatrici

Home Forum L’esperto risponde videosorveglianza nei reparti psichiatrici

  • Questo topic ha 4 risposte, 2 partecipanti ed è stato aggiornato l'ultima volta 2 anni, 6 mesi fa da tina.
Stai visualizzando 0 post
  • Autore
    Post
  • #1139
    tina
    Partecipante

    si è videosorvegliati anche in bagno?

    #1148

    no nel bagno individuale no ma nell’antibagno può’ essere, per questioni di sicurezza.

    #1153
    tina
    Partecipante

    ringrazio per la risposta, ma ho visionato di persona i sensori neri in ogni locale bagno compreso. non so se questi sensori neri erano altri sensori o finti sensori per spaventare il paziente. certo è che se l’anticamera del bagno può essere videosorvegliata, ivi i pazienti sono costretti alla doccia quotidiana con le vetrine appena smerigliate in reparti promiscui. non c’è il reparto di sole donne e sole uomini, anzi il reparto che ho conosciuto io alternava apposta una stanza di uomini e una di donne. trattamenti tipicamente militari. come i nazisti che costringevano alla doccia collettiva in campi di concentramento ove per prima cosa ci si doveva esibire nudi davanti a tutti. il maltrattamento prima di tutto come se il paziente dovesse essere necessariamente trattato peggio di uno straccio e anche peggio di un delinquente.

    #1154

    Ha ragione !!! …. per certi versi ! Il problema e’ che e’ capitato, piu’ volte, purtroppo, che il pz si sia suicidato in bagno ….e poi la colpa e’ del medico !! Poi verra’ anche magari prosciolto, ma glielo garantisco, anche per il medico che va incontro a 4-6 anni di processo … non e’ una cosa piacevole.
    Lei mi potra’ anche dire, quando uno vuole morire prima o poi ce la fa, telecamere o no … e’ assolutamente vero … ma i magistrati la vedono in modo diverso, o diciamo univoco !!

    #1155
    tina
    Partecipante

    se uno si ammazza e c’è videosorveglianza, una volta che si è visto il fatto è successo. allora è inutile mortificare l’intimità del paziente psichico che ha diritto alla sua dignità quanto ogni persona. semmai, visto che i bagni del reparto psichiatrico giustamente non hanno finestra dovrebbero avere ventola in segno d’igiene e qui interviene il rispetto vs il paziente piuttosto che la responsabilità del medico. e poi se uno si ammazza in bagno e il medico va sotto processo a che condanne va incontro con l’assicurazione dell’ospedale? allora il medico dovrebbe essere + responsabile della necessità del ricovero che ha portato il paziente alla disperazione. magari se non ricoverato il paziente non si sarebbe ammazzato e anche questo rientra nella responsabilità del medico. quanti tso sono fatti con gravità e malattie mentali? i medici vantano la libera discrezione per il motivo mentale. forse sono fatti + tso ai suicidi che agli omicidi, visto che molti assassini sono stati giudicati sani di mente.

Stai visualizzando 0 post
  • Devi essere connesso per rispondere a questo topic.