VITTIME DELLA 180
Le testimonianze che mostrano come la 180 sia inefficienza, crudeltà, sfruttamento, superstizione

Sorella bipolare non in cura

Home Forum Lo psichiatra risponde Sorella bipolare non in cura

Stai visualizzando 1 post (di -4 totali)
  • Autore
    Post
  • #1274
    Anna Catalani
    Partecipante

    Salve, ho 44 anni ed ho una sorelle bipolare di 49. Mia sorella non e’ mai stata in cura se non per un brevissimo periodo di tempo quando era adolescente. Purtroppo la mia famiglia, per calmare i picchi di aggressivita’, l’ha sempre assecondata ed ora mia sorella ha una visione piuttosto unica del monto e della societa’. In passato purtroppo e’ stata violenta fisicamente, sia verso se stessa che verso mia madre in particolare. A parole, l’abuso e’ con tutti: incluso mio padre (che purtroppo e’ venuto a mancare l’anno scorso). Il rapporto con mia madre e’ molto problematico, e’ un rapporto di odio/amore ed e’ molto deleterio anche per me e mia sorella minore che ci troviamo a doverle separare o calmarle. Purtroppo la situazione e’ deventata insostenibile anche perche’ sia io che mia sorella minore non viviamo con loro, anzi ci troviamo geograficamente lontane e non nella stessa nazione. Questa sembra essere solo un dettaglio sia per mia madre che per mia sorella. Io fisicamente sto risentendo molto dello stress di questa situazione a cui sono esposta sin da quando ero una bambina. Ho infatti svlippato un problema al cuore: neanche questo comunque non sembra contare per mia sorella e mia madre come non conta il fatto che sia spostata ed abbia una bambina. Ultimamente non riesco piu’ a gestire lo stress che mia sorella causa con i suoi messaggi aggressivi (se non rispondo chiama mio marito od altre persone che hanno anche il mio numero). Cercare di farla ragionare e’ impossibile. A volte ha degli sprazzi di sanita’ ma sono rari. In aggiunta diversi anni fa, sempre la stessa sorella e’ stata operata di cancro ed e’ piu’ di un anno che trascura di fare i controlli. La sua scusa e’ che per stare in casa con mia madre (che comunque si appoggia molto a lei e dipende emotivamente da lei) non ha potuto fare nulla e rinfaccia questo a me ed all’altra mia sorella. Io sono terrorizzata al pensiero di quando mia madre verra’ a mancare perche’ 1) mia sorella minaccia il suicidio (dicendo che a parte mia madre non ha nessuno che la ami) 2)lo stress emotivo e fisico che comunque non posso piu’ sostenere. I servizi sociali sono inesistenti nella zona in cui vivono ed i medici del posto pur conoscendo la situazione, non intervengono neanche con visite occasionali. Mia sorella e’ molto diversa con le persone non di famiglia per cui e’ anche molto difficile credere quanto cambi e quanto sia violenta in con i familiari. Sembra essere un po’ piu’ stabile quando non interagisce molto con mia madre ma come ho detto prima, le due sono ‘legate’ ed hanno gli stessi atteggiamenti ed idee. Cio’ che mi preoccupa e’ come poter segnalare il caso ai servizi sociali senza essere scoperta (mia sorella diventerebbe pericolosa) e che tipo di aiuto concreto (considerato anche il fatto che mia sorella e’ una paziente oncologica) posso fornire senza dover ammalarmi anche io. Porro’ lo stesso quesito anche al legale del forum. Mi sembra assurdo che a 44 anni mia sorella possa manipolare e assoggettare un intero nucleo familiare. Ho dimenticato di aggiungere che mia sorella non lavora, quindi trascorre le giornate a parlare e rimuginare e nel suo mondo sono tutti contro di lei. Mi chiedo se ha mai un momento di consapevolezza.
    Grazie, Polvere 50

Stai visualizzando 1 post (di -4 totali)
  • Devi essere connesso per rispondere a questo topic.